Ostuni in 1 giorno

Ostuni, la Città Bianca. Tappa intermedia in una penisola lunga 400 chilometri: la Puglia.
Noi vi proponiamo l’itinerario ideale, per i viaggiatori che scelgono di soggiornare ad Ostuni per 1 solo giorno.

Ostuni è conosciuta in tutto il mondo per il suo centro storico: la Città Bianca
Essa è ubicata in cima ad un’altura e domina tutta la piana degli ulivi millenari.
Il modo migliore per visitare questo borgo medievale con i suoi candidi vicoli, è di certo a bordo di un Ape Calessino.
I nostri driver sapranno fornirvi i giusti cenni storici di ogni monumento o luogo d’interesse.
Puoi prenotare qui il tuo Tour della Città.

Ma se le nostre borbottanti Ape Calessino non fanno per te, puoi sempre decidere di avventurarti in un percorso pedonale tra i vicoli del centro storico, guidato dalla nostra guida online sui migliori 10 luoghi d’interesse storico di Ostuni.

Avete scelto il percorso pedonale e pertanto, non potete non visitare le botteghe artigiane presenti nel borgo antico.
Salendo per Via Cattedrale al civico 7, incontrerete questo piccolo laboratorio d’arte del Maestro Croci Sisinni.
Egli non ama molto enfatizzare la sua arte. Tanto che il suo laboratorio lo definisce come “pttea”. Termine utilizzato in vernacolo ostunese, per definire la bottega. Lui è un misto tra uno scultore, ed un pittore.
Le sue “tele” sono fatte di pietra gentile, estratta direttamente dalle cave cittadine e gli scorci del centro storico di Ostuni – tramite le sue mani – sembrano acquisire nuova vita.
Non semplici disegni, bensì graffi ed incisioni che vanno ad unirsi a pennellate di inchiostro, sfumature di grafite e qualche piccolissimo dettaglio colorato. Vedere lavorare il Maestro Croci Sisinni, è un’esperienza unica. Potete prenotare una visita guidata della sua bottega, direttamente qui.

 

Se avete seguito i consigli della nostra Best 10 allora avrete sicuramente imboccato Via Bixio Continelli, per visitare la piccola e suggestiva Chiesa di San Giacomo di Compostela . Di fronte, a distanza di pochi metri, c’è un altro posto speciale che vi riporterà indietro nel tempo.

Credit @millenaridipuglia.com

E’ la piccola Bottega Artigiana di Mastro Peppino Roma o se preferite, potete chiamarlo “Pepp la Cucchiara”. Nella sua bottega non troverete attrezzature sofisticate o tecnologiche ma solo qualche serra, raspe, pialle e sgorbie o scalpelli. Le sue “cucchiare” prendono forma da lastre di legno d’ulivo locali (tranquilli, nessun ulivo viene abbattuto. sono semplicemente lastre ricavate dalla risulta delle potature annuali), abilmente tagliate su disegno esclusivo e brevettato da Mastro Peppino Roma. Durante la visita della sua piccola bottega, lui vi mostrerà le varie fasi della lavorazione e qualche piccolo trucco personale. Mettete via gli orologi – Mastro Peppino Roma è un tipo molto loquace – e preparatevi a vivere questa emozionante esperienza.

Un’altra piccola bottega artigiana che merita menzione, è l’Ulivo che Canta di Mastro Tonino Zurlo o come lo conosciamo ad Ostuni: Tonino Trebbisca.

Tonino è un personaggio poliedrico. Un pò artista\scultore ed un pò poeta. Ogni sua opera è unica ed irripetibile anche se lui, si definisce un semplice tramite tra la natura ed il pubblico.
In effetti la sua grande dote, è quella di vedere oltre le cortecce, le radici o i tronchi degli ulivi: dove noi comuni mortali vediamo solo un semplice pezzo di legno, lui ci vede già il volto di una madonna con un bimbo in braccio, piuttosto che un passero o un altro soggetto artistico. Ma la sua maestria nella lavorazione artigianale del legno d’ulivo, non si limita a questo. Tonino realizza anche magnifici accessori come: orecchini, bracciali, pendenti, gemelli,  papillon o soprammobili di ogni genere. Non vi stranite se ad un certo punto della visita lui imbraccerà la sua chitarra: è qualcosa di normale. Tonino è anche un cantautore di brani in vernacolo ostunese. E quindi la bottega artigiana l’Ulivo che Canta è un’altra tappa obbligatoria.

Visitato il centro storico di Ostuni e tutte le sue particolarità, è ora di incamminarsi lungo gli antichi “tratturi” agricoli. I tratturi sono le antiche vie di campagna che i nostri avi, quotidianamente, percorrevano in carrozza, a piedi o in bicicletta per recarsi a lavorare le campagne.

Ed è proprio lungo questi antichi percorsi rurali, tra le fronde degli ulivi millenari che sorge Masseria Il Frantoio. Antica masseria del XVI secolo, edificata dalla famiglia Tanzarella. La struttura che opera come agriturismo e ristorante, è aperta anche a visite guidate e degustazioni di olio e prodotti tipici. Durante la visita guidata potrete ammirare gli ambienti interni dell’abitazione, suddivisa nella parte padronale e quella “bassa” dedicata ai mezzadri. Ammirerete i 2 differenti giardini e tutti i suoi “abitanti” e poi resterete affascinati dal antico frantoio ipogeo, posto al di sotto dell’edificio e dove tutto è rimasto invariato nel tempo: l’antica macina in pietra, le presse, le fosse di decantazione e le cisterne scavate nella roccia.

Ma ciò che rende unica la Città di Ostuni è il fatto di avere un territorio che si estende dalle alte colline della Murgia alle distese verdi dei vigneti della Valle d’Itria, sino agli uliveti millenari che attraverso la costa – frastagliata, irregolare e ricca di insenature – aprono la via verso il Salento offrendo scenari mozzafiato.
Lentamente passerete dagli ulivi e le terre rosse ricche di ferro, ai colori accesi e sgargianti della macchia mediterranea presente lungo la costa.
Rimanendo in ambito costiero, uno dei tanti fiori all’occhiello di questa Città è il Parco Naturale Regionale delle Dune Costiere che si estende da  Torre Canne a Torre San Leonardo. Al suo interno, oltre alle distese aree di seminativo soggetto a coltivazione biologica e uliveti millenari, è possibile trovare un impianto di itticoltura, siti archeologici di interesse storico e culturale, lame, masserie, frantoi ipogei e aziende agricole a Marchio del Parco.
Sul sito istituzionale del Parco, sono presenti tutti i dettagli delle escursioni, laboratori didattici ed attività organizzate dalle cooperative che operano come partner.

E’ qui sulla costa che il nostro itinerario – dalle colline al mare – volge al termine. Un modo semplice ma organizzato per visitare Ostuni in un solo giorno. Adesso dovete solo chiudere le valigie e venire a godervi la vostra vacanza in Puglia.

Leave a Reply